0 Elementi
010 0926546 - 3334819529 INFO@WEBSOLUTIONITALIA.COM

I Social Network fanno ormai parte della nostra vita quotidiana e possono cambiare il nostro umore in pochi secondi, e di conseguenza, anche incidere sui nostri pensieri, sulle decisioni e sulla politica. La struttura altamente dettagliata dei Social Media sono risorse estremamente potenti, che possono contribuire a influenzare la vita politica di un paese, spostando i voti degli elettori da un candidato ad un altro.

Dunque, possiamo concludere che la politica, sia interna che esterna, viene influenzata fortemente dai social media, dato che sono oramai diventati lo strumento informativo più utilizzato al mondo, dove è possibile leggere gli “speech” di qualunque politico “digitalizzato”. I Social Media vengono utilizzati e tutti i personaggi pubblici per aumentare la loro notorietà in quanto i Social sono diventati il media più influente al mondo.

Come anticipato in precedenza, l’uso dei social media da parte dei Ministeri degli esteri ha modificato la gestione  della diplomazia internazionale, a partire da come vengono gestite le informazioni pubbliche, le crisi internazionali o addirittura gli stessi negoziati tra diversi paesi.

L’avvenire dei Social Network ha portato, tra i suoi tanti cambiamenti, anche il metodo stesso di comunicare, causata dai limiti imposti dalle diverse piattaforme, come ad esempio i limiti di caratteri, che portano all’obbligo di dover riassumere in poche righe i messaggi che si vogliono trasmettere ai cittadini.

L’utilizzo di una comunicazione sempre più breve porta alla necessità di creare nuovi slogan istituzionali o motti per riassumere la propria linea di pensiero, i programmi politici, ecc…Un esempio sicuramente conosciuto potrebbe essere #Ruspe, utilizzato innumerevoli volte dall’ex Ministro degli Interni Matteo Salvini, i quali hanno appunto ottenuto ottimi risultati nelle elezioni europee. Ogni social ovviamente ha caratteristiche diverse e dunque obiettivi diversi. Per esempio, Instagram viene utilizzato principalmente per creare un rapporto di affinità tra il politico e i suoi “followers“, con lo scopo di farli diventare suoi sostenitori.

Se prendiamo ad esempio gli USA invece, Dal 2017 Donald Trump è il 45° presidente degli Stati Uniti, e ha dimostrato di conoscere la forza dei social ancora a inizio campagna, guadagnandosi la nomea di “Social President” . Lo staff dell’attuale presidente ha investito in pubblicità televisiva l’1% speso da Jeb Bush, mentre il secondo spendeva 28,9 milioni di dollari in spot televisivi. Gli spot di Trump erano più targetizzati, più frequenti e più autentici. Ogni insulto, invettiva lanciata da Trump è stata ripresa dalle varie testate giornalistiche che ne aumentavano la portata, messaggi politicamente scorretti che non sarebbero mai finiti davanti gli occhi di tutti, finendo con il colpire i frustrati dalle politiche Obama.

Scroll Up